Tracciato Cefalometrico

• Tracciato Cefalometrico 

Per disegnare un buon tracciato occorre valutare insieme: modelli e radiografia panoramica.
Disegnare tutti i denti è utile perchè visualizza : presenza di decidui e permanenti, stato di calcificazione, orientamento dei denti in formazione ed entità della malocclusione in senso sagittale e verticale. Per disegnare i denti chiave, incisivi e molari, si possono usare i templates, utili per eventuali sovrapposizioni,. ma che possono far perdere particolarità morfologiche come: incisivi con radici lunghe o corte, corona incisiva molto incurvata sulla radice, cingolum molto marcato, molari con radici lunghe o corte, divergenti o convergenti, apici aperti.

• Tecnica Grafica

INCISIVI SUPERIORI E INFERIORI:
Si tracciano i più prominenti. Non confondere apici e radici omologhe. Con immagine non chiare è utile riconoscere il canale radicolare per poi ricostruire la radice. Spesso l'apice del canino inferiore è vicino a quello dell'incisivo, distinguere la radice disegnando prima la corona. Il canino inferiore in formazione può sovrapporsi all'apice dell'incisivo,questo non è mai oltre il doppio della lunghezza della corona ( 1/3 + 2/3 ). Si tracciano entrambi gli incisivi se vi è: articolato unilaterale invertito, incisivo ruotato di 90°, presenza di sovrannumerari con ritenzione di un incisivo, incisivo incluso.

MOLARI SUPERIORI E MOLARI INFERIORI:
Distinguere gli sdoppiamenti orizzontali e verticali e considerarli come gli altri sdoppiamenti dell'immagine radiografica. Attenzione a riconoscere molari e premolari. Il terzo molare è utile per eventuali sovrapposizioni.

© 2016 by A.I.F.O.